La situazione politica attuale (e futura) secondo me

La politica attualeNon sono convinto che la somma delle parti dia esattamente il totale se si aggregano elementi diversi cambiando la composizione delle coalizioni.

Finché ci sarà Berlusconi, e ci sarà ancora per tanto a mio avviso, continueranno ad esserci gli opposti che si contenderanno la maggioranza relativa.

Noi moderati dobbiamo attuare una strategia che abbia come obiettivo la formazione di coscienze e di un pensiero svincolato dallo scontro a tutti i costi.

Ho sempre affermato che non gradisco affatto la politica contro, anche perché significa uniformarsi alla logica di contrapposizione che esiste nell’attuale panorama italiano.

La scelta di un personaggio come Casini è stata molto netta in tempi non sospetti ed è su questo che bisogna puntare.

Del resto i moderati subiscono attacchi e adulazioni sia da destra che da sinistra, senza esclusione di colpi, quindi, a mio avviso, tentare di agganciare l’una o l’altra coalizione rischia solo di indebolire la nostra identità ed il nostro pensiero.

Quello che sinceramente penso è che l’attuale classe politica, finirà con il tramonto di Berlusconi. Gli stessi politici si avvitano continuamente attorno a personaggi che attendono solo la fine del berlusconismo… peccato però che con la fine del berlusconismo si avrà necessità di avere dei campioni, di un vivaio che al momento non esiste.

Quindi, bene la fine del berlusconismo, ma siamo sicuri di avere delle carte da giocare?

I protagonisti invecchiano e l’unico “partito” ad immettere forze giovani e linfa alla politica, rimane solo il PDL ed in parte l’UDC con buone personalità di rilievo quali De Poli e Rao.

Ma per il resto io vedo solo il nulla assoluto. “Politici” che finito il motivo del loro manifestare in viola non avranno argomenti, non avranno idee e non avranno la forza e la spinta che deriva da incarichi anche istituzionali seppur locali, insomma una classe di assoluti disfattisti.

In questo momento vedo un assoluto contrasto fra poteri istituzionali che non porta da nessuna parte. Un governo che non può governare ed una magistratura che non può fare il proprio dovere. Il cane che si morde la coda. Che abbia iniziato l’uno piuttosto che l’altro, a me, a questo punto, non me frega niente. So solo che si riempiono le piazze per dare addosso a Berlusconi o viceversa per dare addosso ai magistrati comunisti.

Abbiamo bisogno di forze nuove, di una politica che oltre a stare al centro, sia anche il centro.

Il centro di un nuovo modo di pensare, di un nuovo modo di agire, di un nuovo modo di intendere e di reinventare la politica.

Immettendo forze nuove, che abbiano esperienza sul campo quando sarà il momento di sostituire i titolari, entrando perfettamente nello schema di gioco senza temere l’avversario che avrà dalla sua sicuramente più esperienza e titoli.

Questo è il mio auspicio.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: